Sanremo parla siciliano: 4 artisti nella serata duetti

Non è detto che piaccia né, tantomeno, che si segua dalla prima sino all’ultima sera ma nessuno può negare che il Festival di Sanremo non paralizzi l’intero Paese e coinvolga tutti, anche senza volerlo.

Quel motivetto, la bella canzone, il cantante portentoso, lo splendido abito, la scenografia avveneristica, il bravo presentatore, le “spalle” che un tempo si chiamano vallette (ormai ci sono pure i valletti o co-conduttori) …Sanremo riesce ad entrare nello scenario collettivo nazionale a tal punto che molte cose, senza neanche averle viste di presenza, non si dimenticano … gaffe e cadute comprese!

Sanremo e la Sicilia hanno avuto, da sempre, un certo feeling …

Tanti i nostri corregionali che hanno calcato il palco del mitico Ariston, qualcuno con più fortuna, qualcun altro con meno gloria ma, come si dice in questi casi, già partecipare ed arrivare a quel punto non è per niente facile.

Anche quest’anno, tanti siciliani saranno protagonisti ed allieteranno l’esigente pubblico sanremese e sono tuti collocati nella stessa serata.

Da Beppe Fiorello alla etoile Abbagnato, dal roboante Roy Paci al giovane Caccamo, nella serata “duetti” ci sarà molta Sicilia che renderà più frizzante un Festival spesso ingessato.

Se, però, si cerca di connettere il Festival di Sanremo alla Sicilia, non possiamo non menzionare il grande Pippo Baudo che ha presentato la kermesse canora per ben 12 volte diventando il “mattatore” con più presenze.

Ed allora, anche quest’anno sta per iniziare il Festival della Canzone Italiana e quindi tutti concentrati di fronte la TV, tifiamo come sempre per i nostri conterranei e cantiamo a squarciagola un paio di canzoni, così per non pensare a tutte le cose che vanno male!
In fondo, Sanremo serve proprio a questo … I